lunedì, ottobre 27, 2008

la banalita' delle cose

confortanti come solo la banalita' delle cose può essere, combinarla
grossa, entrare in cucina correndo, a trent'anni suonati, gridando
mamma aiutami guarda come sono nato male, guarda come sono
diventato... non è questa la vita che sognavo quando aprii gli occhi
la prima volta...
e quelle parole
confortanti
come solo
la banalita' delle cose può essere


ti sussurrano che non è niente, passerà, non preoccuparti, ti cullano
su un letto di acciaio
e un altro giorno passa duro
sai di avere in mano un pugno di mosche,
e quando guarderai nel palmo aperto
non ci saranno più neppure quelle

Nessun commento: