martedì, gennaio 27, 2009

social networking

chi mi scrive adesso sono alcuni miei presunti amici che mi invitano
ad aste on line, circoli sociali di cittá in cui non sono mai vissuto
ed interessanti network manageriali di alta scuola dove solo le menti
migliori si riuniscono virtualmente, assegnandosi a mano libera
cartelle di organigramma come fosse tombola e, tra un amministratore,
un sottosegretario ed un marketing director sparano arcimboldi di
lingua italiana mendicandoti alla fine quella che in epoche meno
cybersegaiole si sarebbe definita la raccomandazione per un qualsiasi
posto di lavoro, purchè a stipendio fisso e con un titolo a garanzia
di non fatica.
intanto io faccio addominali a migliaia, tanto che la cucitura dei
pantaloncini mi ha lasciato uno sfregio rosso sfregando sul culo, e
ora tra le mie chiappe spunta una linea tribale dove, se ti avvicini,
puoi leggere chiaramente "adidas", un messaggio che si tramanderà in
futuro quando laggiù in malesia qualcuno riuserà il cuoio del mio
didietro per farci una borsa da golf, a beneficio di coloro che
imperterriti continuarono a santantonizzare il web con i loro social
network sino a quando i loro vecchi schiattarono, lasciandoli beati
nel ricco limbo dell'eredità-pensione.

Nessun commento: