martedì, aprile 14, 2009

te

scorze di te
sulla tovaglia pulita
sui fiori secchi del giardino infuocato
sul pomeriggio inutile
sulle lacrime amare dell'altrui odore
gocce di te
sulla punta delle scarpe
sporche di polvere
consumate dal cammino senza lucido
nel fango della neve
sulla sabbia di granito
piove sul nostro futuro sciapito
piove sulle teste pelate dei nostri avatar
piove sui nostri denti di cellulosa
piove sulle nostre carte di credito false
ascolta s'è fatta sera
e di te non restano
che scorze, solitarie conchiglie
in una tazza di caffè
che ha perduto il suo calore

Nessun commento: