domenica, aprile 28, 2013

Orfeo e Euridice. Tragedia per chat e uno turbo

Orfeo Buongiorno signora

Euridice buongiorno a Voi mio Sire

Orfeo Come state? Anche oggi vi sono spuntati due seni sul petto, o forse mi date a intendere che qualcosa di anormale è successo?

Euridice .. come al solito stamane vostra dama si è alzata con due piccoli vulcani.. e boschetto misterioso..

Orfeo Dovete stare attenta agli incendi che d'estate causano dolo sulle proprietà del reame

Euridice vostro regno in pericolo allora mio sire.. bisognerebbe prendere misure di sicurezza..

Orfeo Diro' al sarto reale di preparare un vestito da spiaggia in ermellino con idrante nelle mutante. E' chic, fa rima e credo che un pacco sul davanti possa donare alla vostra persona un non so che di ambiguo che fa moda

Euridice no mio sire.. non ermellino.. mi fa senso.. perizoma di ghhiaccio andrebbe meglio..

Orfeo Ordinerò un perizoma di coca cola ghiacciata, è più frizzante e non lascerà trasparire le vostre intimità

Euridice .. ma pizzica!

Orfeo Lo troverete eccitante, e sarà piacevole giocare a cricket con granelli di sabbia sulla vostra pelle d'oca

Euridice va bene mio sire, come Voi ordinate... ma come farò la sera a liberare mio corpo da granelli... dovreste mettere a mio servizio un servo.. eunuco s'intende per pulire mio corpo e spalmare olio

Orfeo Sia. Ma Vi facevo più furba, mia signora. Un'altra al vostro posto avrebbe preteso due nubiani tutt'altro che eunuchi

Euridice ma io non tradirei mai mio sire!!! aspetterò voi nelle mie stanze..ala est del castello

Orfeo Fatemi ricordare... ala est, quella per caso tra Linate e città studi? Sapete, il castello è ampio, e la pianura padana così stretta. Prima o poi dovremo trasferirci al mare

Euridice al mare?? si!

Orfeo Ho udienza, mia Signora, a Voi chiedo perdono e affondo con tutto me stesso nella Vostra infinita comprensione, anche se avrei preferito tuffarmi nel Vostro cuore, o, come alternativa naufragare sul vostro seno, o, come possibilità più plausibile, parcheggiare la mia uno turbo truccata sul ciglio del vaffanculo

sabato, aprile 20, 2013

I tre terones

Ci vedemmo al concerto dei tre terones: Bavarotti, Flaccido Domingo e Banderas.
C’era pure Riccard di Capri, l’attore.
Vivere tra le convoluzioni cerebrali di Bartalameo era sempre più difficile. Sbagliava tutti i nomi, shakerava i verbi e sodomizzava congiuntivi.
La sua parola era uno sport estremo.
Decise di diventare sordomuto, e da lì iniziò il suo successo nella vita.
Alla fine siamo tutti o smarties o m-ments: tutti uguali e colorati fuori, ma dentro c’è chi ha la cioccolata e chi la nocciolina.
Così dicendo Melchiorre coprì il panettone con un reggiseno trovato in cabina e s’addormentò come un angelo infedele.
Gli altri due, nella stanza accanto, si stavano giocando a tressette acrobatico la mano di Bartalameo, l’architetto tutto da amare, tutto da sposare.
Intonò la sua canzone; era sordomuto, per scelta, ma la natura lo aveva notato di occhiali potentissimi, tenebrosi, talmente potenti e tenebrosi che riusciva a sbirciare le carte dei due.
Anche i sordomuti fanno preferenze, ed era chiaro che Bartalameo voleva dare una mano al terribile Actarus... ma come avrebbe potuto dargli una mano se era sordomuto?
"Sono sordomuto ma non monco", risuonò sibilante nella testa vuota, il suo pensiero dalle tipiche consonanti mosce, "e ti giuro che se solo sapessi farlo m’ingengerei per trasformare il ruomore che scivola impalpabile sulla mia pelle come una una corazza di seta, in un tango nel cui vortice vorrei portarti via, e perdermi con te."
A saper ballare.
Ma sono architetto e dovrò architettare qualcos’altro.
Questo era nella testa di Bartalameo, mentre Gaspare calava un tre a bastoni annichilante, ad altissimo peso specifico.
Non parlava ma emise un gemito, quando il terribile Actarus gli menò uno scappellotto accusando una perdita di mille talleri più I.V.A.
Questo non passò inosservato da Melchiorre che vedeva e sentiva dalla cabina a fianco e mai avrebbe immaginato tante cose.
Ma decise di rimanere in silenzio e quella notte si uccise perchè incapace di mangiare il panettone e, di conseguenza, carpire il segreto nascosto tra i canditi.
"Pensa", disse a se’ stesso guardando da dietro le tre mogli-piteco di Bartalameo, "basterebbe un capriccio di una di quelle e sarei felice."
Poi gli cadde la scialuppa in testa e fu il nulla: un teddybear svuotato della sua paglia, e la sua anima finì all’inferno.

mercoledì, aprile 17, 2013

lunedì, aprile 15, 2013

Cinese fai da te

bidimensionale riflesso
della mia faccia ingiallita
dall'acqua della tazza
dopo un lascito liquido

alter ego dagli occhi strizzati
al di la' di uno specchio senza Alice
chiede se l'uomo deriva dal cinese
o magari e' il contrario

Cinese fai-da-te
in attesa del tuo avvento
piovono sigari sul tuo viso
ma non sarai mai Che Guevara

Trip advisor presenta: Ristorante "Il Transatlantico"

Grande posto, pochi tavoli, camerieri demotivati ma numerosi, tanto che alcuni fumavano e giovano a poker fuori sul marciapiede, che il posto dentro scarseggiava.
La signora che ci ha servito al tavolo, la mattina potevi trovarla in giro tra gli ombrelloni, a fare i massaggi in spiaggia, non molto efficaci, ma del resto, cosa pretendere per 5 euro? Per qualcosina in più fa anche da badante, te lo stira e te lo ammira (questo non l'abbiamo provato però).
Menù classico: spaghetti con lo scoglio dentro, salmonella locale, e un pesce che sembra Max Pezzali degli 883. Negli anni 80 ci hanno mangiato Scialpi, Falco e Cristina Da Vena, e a quanto ci risulta sono ancora vivi; ci sono ancora le foto con il proprietario, vestito come uno degli Spandau Ballet.
Qualche giorno prima della sua morte c'è andato anche Maurizio Mosconi, c'è chi dice che ascoltando al contrario una delle sue interminabili bestemmie su Youtube, si possa distinguere chiaramente il menù del ristorante, con prezzi in lire e tutto.
Intanto che arrivava l'antipasto ci siamo finiti due sudoku a testa, livello di difficoltà medio. Grandiosa l'idea di un cameriere di mettere a disposizione delle settimane enigmistiche e delle matite, giusto per ingannare l'attesa. Dopo bisogna cancellare però, come gesto di cortesia per gli altri avventori.
La serata si è animata quando un'anziana ha trovato un molare tra gli spaghetti, facendone partecipi tutti gli altri clienti. Dopo un po' di sgomento la situazione si è risollevata: il molare era stato perso proprio dalla stessa donna.
L'aiutante malese del cuoco per 2 euro ci ha inciso sopra il nome della signora e ne ha fatto un magnifico portachiavi.
Tutto è bene quel che finisce bene, insomma, a parte la morte di un cameriere durante il secondo turno, compensata immediatamente dall'ottimo limoncello della signora Maria, la madre del proprietario, fatto con il limoni coltivati nella loro tenuta dietro al termovalorizzatore, località Controvento.
Ampia l'area dedicata ai bambini, stile ikea, con palle di gomma, recinto spinato, minizoo con il somaro Tobia capace di esilaranti erezioni a comando (bastava un fischio).
Per i pensionati, ogni fine mese, si organizza la 24 ore del videopoker con macchinette elettroniche rubapensioni; si rilasciano certificati di morte, se serve la cremazione la possono fare sul posto, lato barbecue.
Rapporto prezzo-prestazioni a seconda delle prestazioni, talvolta anche anali.
Ogni sera, a mezzanotte spettacolo di sgommate nel parcheggio organizzato dal proprietario, che ha l'hobby delle macchine truccate.

venerdì, aprile 12, 2013

complimenti

- Complimenti, lei ha vinto: ha diritto ad esprimere un desiderio e noi lo esaudiremo.

- Ammazzati